Simboli dei Vangeli – nuovo libro in uscita

In questi giorni è uscito il mio nuovo libro, intitolato “Simboli dei Vangeli”.

L’acqua e il fuoco, la luce e l’oscurità, la fertilità vegetale e l’aridità del deserto, la vita e la morte. I testi evangelici sono ricchi di immagini primordiali, simboli pulsanti capaci oggi più che mai di essere attuali. In un’era in cui la desertificazione esteriore si accompagna alla perdita di significato, le antiche luci servono come un faro per ritrovare la via smarrita.

Vai alla scheda del libro

Troverai più nei boschi – articolo sul blog Nero d’inchiostro

“In questo articolo, ho dunque deciso di presentare cinque letture a tutti coloro che vogliano da un lato evadere da queste prigioni di cemento in cui si sono trasformate le nostre città e che dall’altro lato vogliano approfondire le radici storiche del problema ambientale.”

Un bel articolo su libri e wilderness, a cura di Daniele Palmieri; fra i titoli citati, anche il mio “Troverai più nei boschi”.

Vai all'articolo

Troverai più nei boschi – recensione su Kobo

Troverai più nei boschi che nei libri
“Ogni albero è un macrocosmo unico, un mondo abitato da termiti, formiche, ragni e scolitidi che scavano passaggi nel tronco, assumendo le sembianze di un pianeta brulicante di civiltà. Il frassino, la quercia, il tiglio e il pino, il castagno, il ciliegio e l’abete hanno ognuno la propria personalità. Andare nei boschi è come viaggiare nel firmamento siderale, dove ogni albero ci ricopre della sua atmosfera, proteggendoci coi suoi rami dai temporali (l’uomo inventa l’ombrello per proteggersi dalla pioggia da quando non abita più gli alberi), proprio come lunghe braccia.”
Su Kobo è uscita una recensione di Alessandro Mazzi su “Troverai più nei boschi” di Francesco Boer, con un interessante approfondimento sul filone che connette la letteratura alla foresta

Troverai più nei boschi – recensione su arteculturae.it

“Se avessi avuto tra le mani il manuale di Francesco Boer nel corso del lockdown che tutti abbiamo vissuto lo scorso anno, probabilmente avrei percepito una minore mancanza del contatto con la natura, rispetto a quello che ho sentito allora”

Sul sito arteculturae.it trovate una approfondita recensione del mio libro “Troverai più nei boschi”, con molte riflessioni interessanti sul rapporto fra uomo e natura.

Vai alla recensione

 

Troverai più nei boschi – recensione sul Huffpost

“Il curioso libro di Boer è un innesto fra un testo alchemico e una guida naturalistica, arricchito da raffinate immagini d’epoca. Quando parliamo di un prato o di un bosco, sostiene l’autore, dobbiamo considerare il fatto che sono erba e albero, ma il paesaggio è uno spazio dell’anima che porta i miti e le leggende di quel territorio.”

Sul Huffpost è uscita una bella recensione di “Troverai più nei boschi”, a cura di Mauro Garofalo.

Vai alla recensione

Troverai più nei boschi – intervista per Morel

L’unità che rinsalda una comunità non deve per forza essere uniformità, omologazione che schiaccia le diversità individuali; ma può essere una fratellanza, il senso di appartenere a una grande rete vivente. E questo non vale solo nelle comunità umane, ma si può esprimere anche e soprattutto nei nostri rapporti con la natura.

Sul sito di Morel – Voci da un isola, è stata pubblicata una mia intervista a cura di Ivana Margarese, riguardo il mio libro “Troverai più nei boschi”, e i rapporti fra ambiente, essere umano e società.

Vai all'intervista